top of page

5 consigli per quando si deve parlare per la prima volta con uno psichiatra

Aggiornamento: 1 giu


Un  paziente che parla con uno psichiatra

E' dimostrato che nel mondo una persona su 8 presenta un problema di salute mentale (1) e che in Europa una persona su 4 che si rivolge al medico di Medicina Generale mostra un disturbo psichiatrico diagnosticabile (2). Inoltre è anche noto che negli U.S.A. una persona su 25 sperimenta un grave disturbo mentale (3), che può trarre beneficio dall'uso farmaci. Ad esempio, alcune malattie come la depressione maggiore, il disturbo bipolare o la schizofrenia, per essere trattate efficacemente, devono essere gestite attraverso un uso sapiente di farmaci o psicoterapie (o una combinazione dei due). Molte persone scoprono che in realtà una tra le cause della loro guarigione è stata la prescrizione e la gestione della terapia farmacologica da parte dello psichiatra. Alcuni credono addirittura che sia ciò che li ha aiutati a riscoprire veramente la gioia di vivere.

Con questi consigli potrai prepararti a parlare per la prima volta con uno psichiatra e troverai suggerimenti utili su cosa si potrebbe fare per rendere l'intera visita il più vantaggiosa possibile.



Suggerimento 1: affrontare il nervosismo prima dell'appuntamento con lo psichiatra


Non permettere che l'ansia del primo appuntamento ti faccia annullare la visita o non ti faccia presentare all'appuntamento. Hai preso la decisione di cercare uno specialista della salute mentale. perché una parte di te capisce che hai bisogno di aiuto. Ricorda a te stesso: cercare aiuto in psichiatria non è una debolezza. Essere nervosi all’idea di fare questo primo passo rappresenta in realtà un punto di forza.

Molte persone passano anni e anni consapevoli, in fondo, che hanno solo bisogno dell'aiuto di qualcuno che possa capirli senza giudicare. Sapere quando consultare uno psichiatra è importante per un percorso che porta verso la guarigione. Uno psichiatra può fornire una diagnosi accurata e suggerire piani di trattamento. Gli psichiatri sono esperti nel loro campo e hanno conoscenze aggiornate su ricerca, farmaci e altri approcci terapeutici che possono aiutarti. Lo psichiatra lavorerà insieme te per stabilire il piano di trattamento più adatto per te. L'ansia per il tuo primo appuntamento con uno psichiatra tuttavia è del tutto normale. La maggior parte delle persone ti dirà che anche loro hanno provato almeno un po' di apprensione prima della visita. Quindi cerca di rilassarti e ricorda che il tuo psichiatra è lì per aiutarti.



Suggerimento 2: prepararsi per l'appuntamento con lo psichiatra


Vuoi rendere il primo appuntamento con il tuo nuovo psichiatra il più produttivo possibile. Per raggiungere questo obiettivo rifletti sui motivi per cui stai cercando supporto psichico. Sii specifico. Assicurati di sapere e comprendere chiaramente cosa desideri.

Questi sono alcuni esempi che possono aiutare il tuo psichiatra a capirti meglio:

  • "Mi sento sempre solo, anche quando sono con gli altri".

  • "Odio la voce di mio marito".

  • "Non posso tollerare la voce del mio bambino che piange".

  • "Ho desideri sessuali inespressi che mi spaventano".

  • "A volte mi arrabbio così tanto che vado su tutte le furie!"

  • "Piango ad ogni tipo di incontro sociale, anche se dovrebbe essere piacevole".

  • "Non posso esprimere liberamente la mia [rabbia/dolore/risentimento] per [esperienza specifica]".

  • Odio me stesso”.


I motivi possono essere molteplici e non esiste una ragione giusta o sbagliata per cercare aiuto da uno psichiatra. Più informazioni puoi condividere con lui, più lo specialista avrà strumenti per capire quello che hai e curarti.


Ecco alcuni consigli pratici, nel caso in cui tu stia cercando di capire come parlare con uno psichiatra per la prima volta:

  • Preparati al fatto che il medico ti farà domande che possono essere urgenti

  • Non temere lo psichiatra: il suo compito è aiutarti senza pregiudizi

  • È normale e va bene anche piangere, arrabbiarsi o provare altre emozioni

  • Concentrati su una comunicazione chiara

  • È comune sentirsi a volte a disagio la prima volta che si parla con uno psichiatra

Sono molte le persone che cercano aiuto da uno psichiatra e che provano a gestire disturbi mentali lievi ma anche gravi, come la schizofrenia, il disturbo ossessivo compulsivo, il disturbo depressivo maggiore o un disturbo d'ansia

Il tuo psichiatra valuterà anche la tua salute fisica e come ciò potrebbe influire sulla tua salute mentale. Raccoglierà informazioni sulla storia della salute della tua famiglia, eventuali altri farmaci che stai assumendo o che hai assunto in passato e farà domande anche sulla tua salute in generale. Il tuo psichiatra potrebbe anche farti fare un esame del sangue per escludere qualsiasi altro fattore che potrebbe influenzare la tua salute mentale. 

Ricorda, è probabile che tu stia parlando con uno psichiatra di qualcosa che lui ha già ascoltato prima. Gli psichiatri sono formati per fornire consulenze professionali su come migliorare la tua situazione attraverso interventi terapeutici che possono comprendere l'uso di farmaci o anche altri approcci più adatti a gestire il tuo disturbo.


Fai un elenco di ciò che vuoi affrontare

Sapere come parlare con uno psichiatra significa avere ben chiaro quello su cui vuoi concentrarti. Scrivi eventuali sentimenti, pensieri o domande che hai per il tuo psichiatra. È normale arrivare al primo appuntamento in psichiatria e dimenticare subito ciò che intendevi affrontare.


Per ottenere il massimo dedica qualche minuto alla creazione di un elenco di argomenti o sintomi che desideri affrontare al primo appuntamento. Puoi anche semplicemente annotare i tuoi pensieri su un blocco notes. Organizzarti ti aiuterà a ricordare di affrontare tutto ciò che vuoi che lo psichiatra sappia su come ti senti o su cosa stai vivendo. 

Il medico utilizzerò gran parte della prima visita per conoscere te, i tuoi obiettivi e la tua storia. Arrivare preparati è fondamentale per iniziare con il piede giusto. Puoi anche portare due copie dei tuoi appunti: una per il medico e una per te. In questo modo, potete essere sicuri di essere concentrati e costruttivi quando vi troverete lì.



Suggerimento 3: evitare l'autodiagnosi tra i consigli per parlare con uno psichiatra per la rima volta


Non importa se hai effettuato delle ricerche e pensi di aver identificato il disturbo di cui soffri. Anche se può sembrare allettante, questa può essere una pratica pericolosa. Sei libero di sottoporti a un test per comprendere meglio i tuoi sintomi, ma fai attenzione nel dichiararti affetto da schizofrenia o disturbo bipolare, a meno che tu non abbia ricevuto una diagnosi vera e propria.


Per ottenere il massimo dalla tua visita è importante lasciare che sia lo psichiatra a guidare l'esame. Cercherà di valutare il tuo problema in modo da poter stabilire il miglior piano di trattamento possibile per te. Per ora dai allo psichiatra l'opportunità di fare una valutazione diagnostica, poiché è stato formato proprio per fare questo.

Forse continuerai il percorso terapeutico oltre la tua prima visita psichiatrica e, in tal caso, avrai la possibilità di parlare del disturbo che ti sei autodiagnosticato in un momento successivo. Per ora rallenta e cerca di essere paziente. Parlare con uno psichiatra è il modo migliore per ottenere le cure di cui hai bisogno.



Suggerimento 4: non aspettarti miracoli


La guarigione richiede tempo. Il piano di trattamento "ottimale" potrebbe non essere messo in atto la prima volta che vedi lo psichiatra. Insieme, tuttavia, potete trovare un piano che funzioni. 

Sii aperto all'idea che dovrai essere paziente durante il percorso di cura. Potrebbe essere necessario cambiare i farmaci o iniziare sedute di psicoterapia prima di iniziare a vedere la differenza nel modo in cui pensi, senti e agisci. Non è sempre facile e gli psichiatri non fanno miracoli, ma insieme potete trovare un piano il più efficace possibile nel trattare il tuo disturbo. 

Un avvertimento importante: se al primo appuntamento il tuo nuovo psichiatra non ti convince, allora potresti prendere in considerazione l'idea di trovare qualcun altro. E' importante che tu abbia qualcuno che ti ascolti, soprattutto quando in futuro arrivi al punto di discutere la gestione di una terapia farmacologica



Suggerimento 5: fidati del percorso di cura


Il tuo psichiatra diventerà un confidente dei tuoi segreti, sentimenti ed emozioni più intimi. Deve essere qualcuno di cui ti puoi fidare e con cui aprirti completamente senza riserve. 

Quando lavori con la persona giusta, scoprirai che, anche se a volte lentamente, farai progressi. Abbi fiducia nel percorso di cura e confida nelle capacità del tuo medico. Stai svolgendo un lavoro difficile: devi ammirare il tuo impegno, mostrando pazienza con te stesso e avendo la consapevolezza e la fiducia che i tuoi sforzi e il seguire un percorso di cura verranno ripagati. 


 

Fonti

25 visualizzazioni

Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page