top of page

Il mito che gli antidepressivi creino dipendenza è stato smentito: rappresentano un salvavita in psichiatria

Aggiornamento: 2 giorni fa

Una nuova ricerca mostra che i sintomi di astinenza gravi con la sospensione degli antidepressivi sono molto meno comuni di quanto si pensasse. La depressione deve essere trattata


antidepressivi

Il prof. Carmine M Pariante, professore di psichiatria biologica al King's College di Londra, in un articolo pubblicato recentemente su "The Guardian" (1) spiega come gli antidepressivi non creino dipendenza: "Prescrivo antidepressivi dal 1991. Come la maggior parte dei farmaci, sono strumenti imperfetti: hanno effetti collaterali e non funzionano per tutti. Alcuni pazienti riportano effetti negativi o che la loro depressione non migliora, e potrebbero richiedere il passaggio a un antidepressivo diverso. Gli antidepressivi senza dubbio migliorano la depressione e riducono il rischio di suicidio.

Molto raramente, nella mia pratica clinica, i pazienti si lamentano di non poter interrompere il loro farmaco a causa dei sintomi, quando ci provano. Esperienze fisiche o emotive spiacevoli per alcuni giorni o un paio di settimane dopo aver interrotto gli antidepressivi, sì: vertigini, mal di testa, nausea, insonnia, irritabilità, sogni vividi, sensazioni simili all'elettricità o rapidi sbalzi d'umore. Ma i pazienti che non potevano sospendere l'antidepressivo a causa di questi sintomi? Nei miei 33 anni di pratica clinica, posso contarli sulle dita di una mano".

E aggiunge: "Questo è il motivo che mi ha portato a essere scettico, insieme a quelli che credo siano la maggior parte degli psichiatri, riguardo le affermazioni in alcuni articoli scientifici e nei media, che milioni di persone sono dipendenti dagli antidepressivi".


"Dipendenza" significa che gli utenti provano un forte desiderio della sostanza e non possono smettere di assumerla compulsivamente, come con gli oppioidi o le sostanze stupefacenti da strada. Tuttavia non c'è desiderio o compulsione per gli antidepressivi e la nostra esperienza clinica ci dice che solo una piccola minoranza di persone sperimenta sintomi invalidanti quando li sospende. Il più grande studio di sempre sull'argomento, pubblicato su Lancet (2), lo ha confermato.

Questa analisi esamina 79 studi precedenti, che comprendono più di 16.000 persone che hanno interrotto gli antidepressivi, e li confronta con più di 4.000 persone che invece hanno smesso di prendere un placebo. Le aziende farmaceutiche non sono state coinvolte in questa nuova analisi, anche se alcuni dei dati analizzati provenivano da studi finanziati dall'industria.

La scoperta più importante è che la percentuale di persone che interrompono gli antidepressivi e sperimentano gravi sintomi di interruzione (che probabilmente richiederebbero la ripresa dell'antidepressivo) è da 1 a 30 o a 35, comunque una cifra molto, molto più piccola rispetto alla precedete allarmante di uno su 4 (3).


Ancora più affascinante è che circa 1 paziente su 3 che interrompe la terapia con antidepressivi manifesta alcuni sintomi di sospensione (non gravi), ma lo stesso vale per 1 paziente su 6 che interrompe il placebo. Ciò indica che alcuni dei sintomi di sospensione degli antidepressivi probabilmente non sono il risultato dell'interruzione degli antidepressivi in quanto tali, ma piuttosto dell'attribuzione di alcuni sintomi ai farmaci, soprattutto quando ci si aspetta che tali sintomi si verifichino.

Naturalmente, non si sta suggerendo che le persone che smettono di prendere antidepressivi si inventino i sintomi o che i sintomi siano "tutti nella mente" - per inciso, un'espressione inutile che non serve a nulla. Piuttosto i sintomi sono reali, ma potrebbero non essere correlati all'interruzione degli antidepressivi e invece essere erroneamente attribuiti a questa.


Quindi, da dove deriva la discrepanza tra le precedenti cifre allarmanti e questo nuovo studio? Gli studi precedenti hanno utilizzato modelli di ricerca scientifica meno solidi, perché non includevano confronti con un placebo, oppure hanno utilizzato un modello di studio che attraeva preferibilmente persone che volevano offrire volontariamente la loro esperienza di sintomi di sospensione degli antidepressivi, distorcendo i risultati. Ad esempio, è più probabile che i sondaggi online attraggano persone che hanno smesso di prendere antidepressivi e hanno manifestato sintomi, piuttosto che coloro che hanno smesso di prendere antidepressivi con poco disagio.


Questa ricerca precedente, sebbene meno solida, ha avuto l'effetto positivo di portare l'attenzione sul dibattito circa la sospensione degli antidepressivi. Questo nuovo studio non è perfetto e nelle settimane e nei mesi a venire ci sarà un dibattito sulla qualità dei dati e delle analisi presentate. Tuttavia tale lavoro rappresenta una delle migliori ricerche disponibili su questo argomento cruciale.


I medici pertanto dovrebbero ora presentare queste percentuali più accurate sui sintomi da sospensione quando discutono di antidepressivi con i loro pazienti. E le persone a cui è stato consigliato dal loro medico di iniziare un antidepressivo, indicando che hanno una depressione significativa che sta influenzando le loro vite, dovrebbero essere rassicurate dalla bassissima incidenza di gravi sintomi da sospensione. Le persone che hanno assunto bene gli antidepressivi per un po' di tempo (sei-nove mesi di benessere se è la prima volta, più a lungo se è la seconda o la terza volta) dovrebbero parlare con i loro medici sulla possibilità di interromperli. Se decidono di farlo, dovrebbero ridurli lentamente nell'arco di due-quattro mesi, pur essendo consapevoli che non tutte le sensazioni e le emozioni spiacevoli che provano sono dovute all'interruzione del farmaco. Per la piccola minoranza che potrebbe manifestare gravi sintomi da sospensione, è necessaria una reintroduzione dell'antidepressivo, seguita da una riduzione ancora più lenta.


Le persone prenderanno decisioni diverse attraverso una discussione informata con il loro medico. Alcuni decideranno che gli antidepressivi non fanno per loro. Altri decideranno che non vogliono smettere di assumere l'antidepressivo. Molti fattori influenzeranno queste decisioni, ma almeno il mito ormai sfatato che gli antidepressivi creino dipendenza non sarà più uno di questi fattori.


Fonti

18 visualizzazioni

Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page